Niccolò

Machiavelli

Il Principe

The Prince

Translated by William K. Marriott
Alignment and Amendments © Doppeltext 2014

Title Page

DEDICA.

CAPITOLO I — Quante siano le specie de’ Principati, e con quali modi si acquistino.

CAPITOLO II — De’ Principati ereditari.

CAPITOLO III — De’ principati misti.

CAPITOLO IV — Perchè il Regno di Dario da Alessandro occupato non si ribellò dalli successori di Alessandro dopo la sua morte.

CAPITOLO V — In che modo siano da governare le città o Principati, quali, prima che occupati fussino, vivevano con le loro leggi.

CAPITOLO VI — De’ Principati nuovi, che con le proprie armi e virtù si acquistano.

CAPITOLO VII — De’ Principati nuovi, che con forze d’altri e per fortuna si acquistano.

CAPITOLO VIII — Di quelli che per scelleratezze sono pervenuti al Principato.

CAPITOLO IX — Del Principato civile.

CAPITOLO X — In che modo le forze di tutti i Principati si debbino misurare.

CAPITOLO XI — De’ Principati Ecclesiastici.

CAPITOLO XII — Quante siano le spezie della milizia, e de’ soldati mercenari.

CAPITOLO XIII — De’ soldati ausiliari, misti, e propri.

CAPITOLO XIV — Quello che al Principe si appartenga circa la milizia.

CAPITOLO XV — Delle cose, mediante le quali gli uomini, e massimamente i Principi, sono lodati o vituperati.

CAPITOLO XVI — Della liberalità e miseria.

CAPITOLO XVII — Della crudeltà e clemenzia; e se egli è meglio essere amato, che temuto.

CAPITOLO XVIII — In che modo i Principi debbino osservare la fede.

CAPITOLO XIX — Che si debbe fuggire l’essere disprezzato e odiato.

CAPITOLO XX — Se le fortezze, e molte altre cose che spesse volte i Principi fanno, sono utili o dannose.

CAPITOLO XXI — Come si debba governare un Principe per acquistarsi riputazione.

CAPITOLO XXII — Delli segretari de’ Principi.

CAPITOLO XXIII — Come si debbino fuggire gli adulatori.

CAPITOLO XXIV — Perchè i Principi d’Italia abbino perduto i loro Stati.

CAPITOLO XXV — Quanto possa nelle umane cose la fortuna, e in che modo se gli possa ostare.

CAPITOLO XXVI — Esortazione a liberare la Italia da’ barbari.

Colophon

DEDICA.

NICC. MACHIAVELLI
AL
MAGNIFICO LORENZO
DI PIERO DE’ MEDICI.

So­glio­no il più del­le vol­te co­lo­ro che de­si­de­ra­no ac­qui­sta­re gra­zia ap­pres­so un Prin­ci­pe, far­se­gli in­nan­zi
con quel­le cose, che tra le loro ab­bi­no più care, o del­le qua­li veg­ghi­no lui più di­let­tar­si;
don­de si vede mol­te vol­te es­ser loro pre­sen­ta­ti ca­val­li, arme, drap­pi d’oro, pie­tre pre­zio­se e si­mi­li or­na­men­ti, de­gni del­la gran­dez­za di quel­li.
De­si­de­ran­do io adun­que of­fe­rir­mi alla Vo­stra Ma­gni­fi­cen­za con qual­che te­sti­mo­ne del­la ser­vi­tù mia ver­so di quel­la,
non ho tro­va­to, tra la mia sup­pel­let­ti­le, cosa, qua­le io ab­bia più cara, o tan­to sti­mi, quan­to la co­gni­zio­ne del­le azio­ni de­gli uo­mi­ni gran­di,
im­pa­ra­ta da me con una lun­ga spe­rien­za del­le cose mo­der­ne, ed una con­ti­no­va le­zio­ne del­le an­ti­che,
la qua­le aven­do io con gran di­li­gen­za lun­ga­men­te esco­gi­ta­ta ed esa­mi­na­ta, ed ora in uno pic­co­lo vo­lu­me ri­dot­ta, man­do alla Ma­gni­fi­cen­za Vo­stra.
E ben­chè io giu­di­chi que­sta ope­ra in­de­gna del­la pre­sen­za di quel­la;
non­di­me­no con­fi­do as­sai, che per sua uma­ni­tà gli deb­ba es­se­re ac­cet­ta, con­si­de­ra­to che da me non li pos­sa es­se­re fat­to mag­gior dono,
che dar­le fa­cul­tà a po­ter in bre­vis­si­mo tem­po in­ten­de­re tut­to quel­lo, che io in tan­ti anni, e con tan­ti miei di­sa­gi e pe­ri­co­li ho co­gno­sciu­to ed in­te­so:
la qua­le ope­ra io non ho or­na­ta nè ri­pie­na di clau­su­le am­pie, o di pa­ro­le am­pol­lo­se o ma­gni­fi­che,
o di qua­lun­que al­tro le­no­ci­nio o or­na­men­to estrin­se­co, con li qua­li mol­ti so­glio­no le lor cose di­scri­ve­re ed or­na­re;
per­chè io ho vo­lu­to o che ve­ru­na cosa la ono­ri, o che so­la­men­te la ve­ri­tà del­la ma­te­ria, e la gra­vi­tà del sog­get­to la fac­cia gra­ta.
Nè vo­glio sia ri­pu­ta­ta pre­sun­zio­ne, se uno uomo di bas­so ed in­fi­mo sta­to ar­di­sce di­scor­re­re e re­go­la­re i go­ver­ni de’ Prin­ci­pi;
per­chè così come co­lo­ro che di­se­gna­no i pae­si, si pon­go­no bas­si nel pia­no a con­si­de­ra­re la na­tu­ra de’ mon­ti e de’ luo­ghi alti,
e per con­si­de­ra­re quel­la de’ bas­si si pon­go­no alti so­pra i mon­ti;
si­mil­men­te, a co­gno­scer bene la na­tu­ra de’ po­po­li bi­so­gna es­ser Prin­ci­pe, ed a co­gno­scer bene quel­la de’ Prin­ci­pi con­vie­ne es­se­re po­po­la­re.
Pi­gli adun­que Vo­stra Ma­gni­fi­cen­za que­sto pic­co­lo dono con quel­lo ani­mo che io lo man­do;
il qua­le se da quel­la fia di­li­gen­te­men­te con­si­de­ra­to e let­to, vi co­gno­sce­rà den­tro uno estre­mo mio de­si­de­rio,
che ella per­ven­ga a quel­la gran­dez­za che la for­tu­na, e le al­tre sue qua­li­tà le pro­met­to­no.
E se Vo­stra Ma­gni­fi­cen­za dal­lo api­ce del­la sua al­tez­za qual­che vol­ta vol­ge­rà gli oc­chi in que­sti luo­ghi bas­si,
co­gno­sce­rà, quan­to in­de­gna­men­te io sop­por­ti una gran­de e con­ti­no­va ma­li­gni­tà di for­tu­na.

CAPITOLO I — Quante siano le specie de’ Principati, e con quali modi si acquistino.

Tut­ti gli Sta­ti, tut­ti i do­mi­nii che han­no avu­to, e han­no im­pe­rio so­pra gli uo­mi­ni, sono sta­ti e sono o Re­pub­bli­che o Prin­ci­pa­ti.
I prin­ci­pa­ti sono o ere­di­ta­ri, de’ qua­li il san­gue del loro Si­gno­re ne sia sta­to lun­go tem­po Prin­ci­pe, o e’ sono nuo­vi.
I nuo­vi o sono nuo­vi tut­ti, come fu Mi­la­no a Fran­ce­sco Sfor­za,
o sono come mem­bri ag­giun­ti allo sta­to ere­di­ta­rio del Prin­ci­pe che gli ac­qui­sta, come è il Re­gno di Na­po­li al Re di Spa­gna.
Sono que­sti do­mi­nii, così ac­qui­sta­ti, o con­sue­ti a vi­ve­re sot­to un Prin­ci­pe, o usi ad es­ser li­be­ri;
ed ac­qui­stan­si o con le armi di al­tri o con le pro­prie, o per for­tu­na o per vir­tù.

CAPITOLO II — De’ Principati ereditari.

Io la­sce­rò in­die­tro il ra­gio­na­re del­le Re­pub­bli­che, per­chè al­tra vol­ta ne ra­gio­nai a lun­go.
Vol­te­rom­mi solo al Prin­ci­pa­to, e an­de­rò, nel ri­tes­se­re que­ste or­di­tu­re di so­pra, di­spu­tan­do come que­sti Prin­ci­pa­ti si pos­so­no go­ver­na­re e man­te­ne­re.
Dico adun­que, che nel­li Sta­ti ere­di­ta­ri, ed as­sue­fat­ti al san­gue del loro Prin­ci­pe, sono as­sai mi­no­ri dif­fi­cul­tà a man­te­ner­gli, che ne’ nuo­vi;
per­chè ba­sta solo non tra­pas­sa­re l’or­di­ne de’ suoi an­te­na­ti, e di­poi tem­po­reg­gia­re con gli ac­ci­den­ti,
in modo che se tal Prin­ci­pe è di or­di­na­ria in­du­stria, sem­pre si man­ter­rà nel suo Sta­to, se non è una straor­di­na­ria ed ec­ces­si­va for­za che ne lo pri­va;
e pri­va­to che ne sia, quan­tun­que di si­ni­stro ab­bia lo oc­cu­pa­to­re, lo rac­qui­sta.
Noi ab­bia­mo in Ita­lia, per esem­pio, il Duca di Fer­ra­ra, il qua­le non ha ret­to agli as­sal­ti de’ Vi­ni­zia­ni nell’84,
nè a quel­li di Papa Iu­lio nel 10 per al­tre ca­gio­ni che per es­se­re an­ti­qua­to in quel Do­mi­nio.
Per­chè il Prin­ci­pe na­tu­ra­le ha mi­no­ri ca­gio­ni e mi­no­ri ne­ces­si­tà di of­fen­de­re; don­de con­vie­ne che sia più ama­to;
e se stra­sor­di­na­rii vizi non lo fan­no odia­re, è ra­gio­ne­vo­le che na­tu­ral­men­te sia ben vo­lu­to da’ suoi;
e nell’an­ti­chi­tà e con­ti­nua­zio­ne del do­mi­nio sono spen­te le me­mo­rie e le ca­gio­ni del­le in­no­va­zio­ni;
per­chè sem­pre una mu­ta­zio­ne la­scia lo ad­den­tel­la­to per la edi­fi­ca­zio­ne dell’al­tra.

CAPITOLO III — De’ principati misti.

Ma nel Prin­ci­pa­to nuo­vo con­si­sto­no le dif­fi­cul­tà.
E pri­ma se non è tut­to nuo­vo, ma come mem­bro, che si può chia­ma­re tut­to in­sie­me qua­si mi­sto,
le va­ria­zio­ni sue na­sco­no in pri­ma da una na­tu­ral dif­fi­cul­tà, qua­le è in tut­ti i Prin­ci­pa­ti nuo­vi;
per­chè gli uo­mi­ni mu­ta­no vo­len­tie­ri Si­gno­re, cre­den­do mi­glio­ra­re; e que­sta cre­den­za gli fa pi­gliar l’arme con­tro a chi reg­ge;
di che s’in­gan­na­no, per­chè veg­go­no poi per espe­rien­za aver peg­gio­ra­to.
Il che di­pen­de da un’al­tra ne­ces­si­tà na­tu­ra­le ed or­di­na­ria, qua­le fa che sem­pre bi­so­gni of­fen­de­re quel­li,
di chi si di­ven­ta nuo­vo Prin­ci­pe; e con gen­te d’arme, e con in­fi­ni­te al­tre in­giu­rie che si tira die­tro il nuo­vo ac­qui­sto.
Di­mo­do­chè ti tro­vi ave­re ini­mi­ci tut­ti quel­li che tu hai of­fe­si in oc­cu­pa­re quel Prin­ci­pa­to;
e non ti puoi man­te­ne­re ami­ci quel­li, che vi ti han­no mes­so, per non gli po­te­re sa­ti­sfa­re in quel modo che si era­no pre­sup­po­sto,
e per non po­te­re tu usa­re con­tra di loro me­di­ci­ne for­ti, es­sen­do loro ob­bli­ga­to;
per­chè sem­pre, an­cor­chè uno sia for­tis­si­mo in su gli eser­ci­ti, ha bi­so­gno del fa­vo­re de’ pro­vin­cia­li ad en­tra­re in una pro­vin­cia.
Per que­ste ra­gio­ni Lui­gi XII Re di Fran­cia oc­cu­pò su­bi­to Mi­la­no, e su­bi­to lo per­dè,
e ba­sta­ro­no a to­glier­lo la pri­ma vol­ta le for­ze pro­prie di Lo­do­vi­co;
per­chè quel­li po­po­li, che gli ave­va­no aper­te le por­te, tro­van­do­si in­gan­na­ti del­la opi­nio­ne loro, e di quel fu­tu­ro bene che si avea­no pre­sup­po­sto,
non po­te­va­no sop­por­ta­re fa­sti­di del nuo­vo Prin­ci­pe.
È ben vero che ac­qui­stan­do­si poi la se­con­da vol­ta i pae­si ri­bel­la­ti, si per­do­no con più dif­fi­cul­tà;
per­chè il Si­gno­re, pre­sa oc­ca­sio­ne dal­la re­bel­lio­ne, è meno ri­spet­ti­vo ad as­si­cu­rar­si, con pu­ni­re i de­lin­quen­ti,
chia­ri­re i so­spet­ti, prov­ve­der­si nel­le par­ti più de­bo­li.
In modo che se a far per­de­re Mi­la­no a Fran­cia ba­stò la pri­ma vol­ta un Duca Lo­do­vi­co, che ro­mo­reg­gias­se in su’
con­fi­ni, a far­lo di­poi per­de­re la se­con­da, gli bi­so­gnò ave­re con­tro il mon­do tut­to,
e che gli eser­ci­ti suoi fos­se­ro spen­ti, e cac­cia­ti d’Ita­lia; il che nac­que dal­le ca­gio­ni so­prad­det­te.
Non­di­me­no e la pri­ma e la se­con­da vol­ta gli fu tol­to.
Le ca­gio­ni uni­ver­sa­li del­la pri­ma si sono di­scor­se; re­sta ora a ve­de­re quel­le del­la se­con­da, e dire che re­me­dii egli ave­va,
e qua­li può ave­re uno che fus­se ne’ ter­mi­ni suoi, per po­ter­si me­glio man­te­ne­re nel­lo ac­qui­sta­to, che non fece il Re di Fran­cia.
Dico per­tan­to, che que­sti Sta­ti, i qua­li ac­qui­stan­do­si si ag­giun­go­no a uno Sta­to an­ti­co di quel­lo che gli ac­qui­sta,
o sono del­la me­de­si­ma pro­vin­cia e del­la me­de­si­ma lin­gua, o non sono.
Quan­do sia­no, è fa­ci­li­tà gran­de a te­ner­gli, mas­si­ma­men­te quan­do non sia­no usi a vi­ve­re li­be­ri;
e, a pos­se­der­gli si­cu­ra­men­te, ba­sta ave­re spen­ta la li­nea del Prin­ci­pe, che li do­mi­na­va;
per­chè nel­le al­tre cose, man­te­nen­do­si loro le con­di­zio­ni vec­chie, e non vi es­sen­do di­sfor­mi­tà di co­stu­mi,
gli uo­mi­ni si vi­vo­no quie­ta­men­te, come si è vi­sto, che ha fat­to la Bor­go­gna, la Ber­ta­gna, la Gua­sco­gna, e la Nor­man­dia, che tan­to tem­po sono sta­te con Fran­cia;
e ben­chè vi sia qual­che di­sfor­mi­tà di lin­gua, non­di­me­no i co­stu­mi sono si­mi­li, e pos­son­si tra loro fa­cil­men­te com­por­ta­re:
e a chi le ac­qui­sta, vo­len­do­le te­ne­re, bi­so­gna ave­re due ri­spet­ti; l’uno che il san­gue del loro Prin­ci­pe an­ti­co si spen­ga;
l’al­tro di non al­te­ra­re nè loro leg­gi nè loro dazi; tal­men­te­chè in bre­vis­si­mo tem­po di­ven­ta con il loro Prin­ci­pa­to an­ti­co tut­to un cor­po.
Ma quan­do si ac­qui­sta­no Sta­ti in una pro­vin­cia di­sfor­me di lin­gua, di co­stu­mi, e di or­di­ni, qui sono le dif­fi­cul­tà,
e qui bi­so­gna ave­re gran for­tu­na, e gran­de in­du­stria a te­ner­gli;
ed uno de’ mag­gio­ri ri­me­dii e più vivi sa­reb­be, che la per­so­na di chi gli ac­qui­sta vi an­das­se ad abi­ta­re.
Que­sto fa­reb­be più si­cu­ra e più du­ra­bi­le quel­la pos­ses­sio­ne, come ha fat­to il Tur­co di Gre­cia,
il qua­le con tut­ti gli al­tri or­di­ni os­ser­va­ti da lui per te­ne­re quel­lo Sta­to, se non vi fus­se ito ad abi­ta­re, non era pos­si­bi­le, che lo te­nes­se.
Per­chè stan­do­vi, si veg­go­no na­sce­re i di­sor­di­ni, e pre­sto vi si può ri­me­dia­re;
non vi stan­do, s’in­ten­do­no quan­do sono gran­di, e non vi è più ri­me­dio. Non è ol­tre a que­sto la pro­vin­cia spo­glia­ta da’ tuoi ufi­zia­li;
sa­ti­sfan­no­si i sud­di­ti del ri­cor­so pro­pin­quo al Prin­ci­pe, don­de han­no più ca­gio­ne di amar­lo, vo­len­do es­se­re buo­ni, e vo­len­do es­se­re al­tri­men­te, di te­mer­lo.
Chi de­gli ester­ni vo­les­se as­sal­ta­re quel­lo Sta­to, vi ha più ri­spet­to;
tan­to­chè abi­tan­do­vi lo può con gran­dis­si­ma dif­fi­cul­tà per­de­re.
L’al­tro mi­glio­re ri­me­dio è man­da­re co­lo­nie in uno o in due luo­ghi, che sia­no qua­si le chia­vi di quel­lo Sta­to;
per­chè è ne­ces­sa­rio o far que­sto, o te­ner­vi as­sai gen­te d’arme e fan­te­rie.
Nel­le co­lo­nie non ispen­de mol­to il Prin­ci­pe, e sen­za sua spe­sa, o poca, ve le man­da e tie­ne,
e so­la­men­te of­fen­de co­lo­ro, a chi to­glie i cam­pi e le case per dar­le a’ nuo­vi abi­ta­to­ri, che sono una mi­ni­ma par­te di quel­lo Sta­to;
e quel­li che egli of­fen­de, ri­ma­nen­do di­sper­si e po­ve­ri, non gli pos­so­no mai nuo­ce­re, e tut­ti gli al­tri ri­man­go­no da una par­te non of­fe­si, e per que­sto si quie­ta­no fa­cil­men­te;
dall’al­tra pau­ro­si di non er­ra­re, per­chè non in­ter­ve­nis­se loro come a quel­li che sono sta­ti spo­glia­ti.
Con­chiu­do, che que­ste co­lo­nie non co­sta­no, sono più fe­de­li, of­fen­do­no meno,
e gli of­fe­si, es­sen­do po­ve­ri e di­sper­si, non pos­so­no nuo­ce­re, come ho det­to.
Per­chè si ha a no­ta­re, che gli uo­mi­ni si deb­bo­no o vez­zeg­gia­re o spe­gne­re,
per­chè si ven­di­ca­no del­le leg­gie­ri of­fe­se; del­le gra­vi non pos­so­no:
sic­chè l’of­fe­sa che si fa all’uomo, deve es­se­re in modo, che ella non tema la ven­det­ta.
Ma te­nen­do­vi, in cam­bio di co­lo­nie, gen­te d’arme, si spen­de più as­sai,
aven­do a con­su­ma­re nel­la guar­dia tut­te l’en­tra­te di quel­lo Sta­to: in modo che l’ac­qui­sta­to gli tor­na in per­di­ta, ed of­fen­de mol­to più;
per­chè nuo­ce a tut­to quel­lo Sta­to, tra­mu­tan­do con gli al­log­gia­men­ti il suo eser­ci­to; del qua­le di­sa­gio ognu­no ne sen­te,
e cia­scu­no li di­ven­ta ni­mi­co, e sono ini­mi­ci, che gli pos­so­no nuo­ce­re, ri­ma­nen­do bat­tu­ti in casa loro.
Da ogni par­te dun­que que­sta guar­dia è inu­ti­le, come quel­la del­le co­lo­nie è uti­le.
Deb­be an­co­ra chi è in una pro­vin­cia di­sfor­me, come è det­to, far­si capo e di­fen­so­re de’ vi­ci­ni mi­no­ri po­ten­ti,
ed in­ge­gnar­si d’in­de­bo­li­re i più po­ten­ti di quel­la, e guar­da­re che, per ac­ci­den­te al­cu­no, non vi en­tri uno fo­re­stie­re non meno po­ten­te di lui:
e sem­pre in­ter­ver­rà che vi sarà mes­so da co­lo­ro che sa­ran­no in quel­la mal­con­ten­ti o per trop­pa am­bi­zio­ne o per pau­ra;
come si vide già che gli Eto­li mi­se­ro li Ro­ma­ni in Gre­cia;
ed in ogni al­tra pro­vin­cia che loro en­tra­ro­no, vi fu­ro­no mes­si dai pro­vin­cia­li.
E l’or­di­ne del­la cosa è, che su­bi­to che un fo­re­stie­re po­ten­te en­tra in una pro­vin­cia,
tut­ti quel­li che sono in essa meno po­ten­ti, gli ade­ri­sco­no, mos­si da una in­vi­dia che han­no con­tro a chi è sta­to po­ten­te so­pra di loro;
tan­to­chè ri­spet­to a que­sti mi­no­ri po­ten­ti, egli non ha a du­ra­re fa­ti­ca al­cu­na a gua­da­gnar­li,
per­ché su­bi­to tut­ti in­sie­me vo­len­tie­ri fan­no mas­sa con lo Sta­to, che egli vi ha ac­qui­sta­to.
Ha so­la­men­te a pen­sa­re, che non pi­gli­no trop­pe for­ze, e trop­pa au­to­ri­tà;
e fa­cil­men­te può con le for­ze sue, e con il fa­vor loro ab­bas­sa­re quel­li che sono po­ten­ti, per ri­ma­ne­re in tut­to ar­bi­tro di quel­la pro­vin­cia.
E chi non go­ver­ne­rà bene que­sta par­te, per­de­rà pre­sto quel­lo che arà ac­qui­sta­to; e men­tre che lo ter­rà, vi arà den­tro in­fi­ni­te dif­fi­cul­tà e fa­sti­di.
I Ro­ma­ni nel­le pro­vin­cie che pi­glia­ro­no, os­ser­va­ro­no bene que­ste par­ti,
e man­da­ro­no le co­lo­nie, in­trat­te­ne­ro­no i men po­ten­ti sen­za cre­sce­re loro po­ten­za,
ab­bas­sa­ro­no li po­ten­ti, e non vi la­scia­ro­no pren­de­re ri­pu­ta­zio­ne a’ po­ten­ti fo­re­stie­ri.
E vo­glio mi ba­sti solo la pro­vin­cia di Gre­cia per esem­pio.
Fu­ro­no in­trat­te­nu­ti da loro gli Achei, e gli Eto­li, fu ab­bas­sa­to il Re­gno de’ Ma­ce­do­ni, fun­ne cac­cia­to An­ti­o­co;
nè mai gli me­ri­ti de­gli Achei o del­li Eto­li fe­ce­ro che per­met­tes­se­ro loro ac­cre­sce­re al­cu­no Sta­to,
nè le per­sua­sio­ni di Fi­lip­po gli in­dus­se­ro mai ad es­ser­gli ami­ci sen­za sbas­sar­lo,
nè la po­ten­za di An­ti­o­co potè fare gli con­sen­tis­se­ro che te­nes­se in quel­la pro­vin­cia al­cu­no Sta­to.
Per­chè i Ro­ma­ni fe­ce­ro in que­sti casi quel­lo che tut­ti i Prin­ci­pi savi deb­bo­no fare,
li qua­li non so­la­men­te han­no ad aver ri­guar­do alli scan­do­li pre­sen­ti, ma alli fu­tu­ri, ed a quel­li con ogni in­du­stria ri­pa­ra­re;
per­chè pre­ve­den­do­si di­sco­sto, fa­cil­men­te vi si può ri­me­dia­re, ma aspet­tan­do, che ti s’ap­pres­si­no,
la me­di­ci­na non è più a tem­po, per­chè la ma­lat­tia è di­ven­ta­ta in­cu­ra­bi­le;
ed in­ter­vie­ne di que­sta come di­co­no i me­di­ci dell’eti­ca,
che nel prin­ci­pio è fa­ci­le a cu­ra­re, e dif­fi­ci­le a co­gno­sce­re, ma nel cor­so del tem­po,
non l’aven­do nel prin­ci­pio co­gno­sciu­ta nè me­di­ca­ta, di­ven­ta fa­ci­le a co­gno­sce­re e dif­fi­ci­le a cu­ra­re.
Così in­ter­vie­ne nel­le cose del­lo Sta­to, per­chè co­gno­scen­do di­sco­sto, il che non è dato se non ad un pru­den­te, i mali che na­sco­no in quel­lo, si gua­ri­sco­no pre­sto;
ma quan­do, per non gli aver co­gno­sciu­ti, si la­scia­no cre­sce­re in modo che ognu­no li co­gno­sce, non vi è più ri­me­dio.
Però i Ro­ma­ni ve­den­do di­sco­sto gl’in­con­ve­nien­ti, li ri­me­dia­ro­no sem­pre, e non li la­scia­ro­no mai se­gui­re per fug­gi­re una guer­ra,
per­chè sa­pe­va­no, che la guer­ra non si leva, ma si dif­fe­ri­sce con van­tag­gio d’al­tri;
però vol­se­ro fare con Fi­lip­po ed An­ti­o­co guer­ra in Gre­cia, per non l’ave­re a fare con loro in Ita­lia;
il che non vol­se­ro, nè piac­que mai loro quel­lo che tut­to dì è in boc­ca de’ savi de’ no­stri tem­pi,
Go­de­re li be­ne­fi­cii del tem­po; ma bene quel­lo del­la vir­tù e pru­den­za loro;
per­chè il tem­po si cac­cia in­nan­zi ogni cosa, e può con­dur­re seco bene come male, male come bene.
Ma tor­nia­mo a Fran­cia, ed esa­mi­nia­mo se del­le cose det­te ne ha fat­to al­cu­na;
e par­le­rò di Lui­gi e non di Car­lo, come di co­lui, del qua­le, per aver te­nu­to più lun­ga pos­ses­sio­ne in Ita­lia, si sono me­glio vi­sti li suoi an­da­men­ti;
e ve­dre­te, come egli ha fat­to il con­tra­rio di quel­le cose, che si deb­bo­no fare per te­ne­re uno Sta­to di­sfor­me.
Il Re Lui­gi fu mes­so in Ita­lia dall’am­bi­zio­ne de’ Vi­ni­zia­ni, che vol­se­ro gua­da­gnar­si mez­zo lo Sta­to di Lom­bar­dia per quel­la ve­nu­ta.
Io non vo­glio bia­si­ma­re quel­la ve­nu­ta o par­ti­to pre­so dal Re; per­chè, vo­len­do co­min­cia­re a met­te­re un pie­de in Ita­lia,
e non aven­do in que­sta pro­vin­cia ami­ci, anzi es­sen­do­li, per li por­ta­men­ti del Re Car­lo, ser­ra­te tut­te le por­te,
fu for­za­to pren­de­re quel­le ami­ci­zie che po­te­va;
e sa­reb­be­li riu­sci­to il pen­sie­ro bene pre­so, quan­do ne­gli al­tri ma­neg­gi non aves­se fat­to er­ro­re al­cu­no.
Ac­qui­sta­ta adun­que il Re la Lom­bar­dia, si ri­gua­da­gnò su­bi­to quel­la ri­pu­ta­zio­ne che gli ave­va tol­ta Car­lo;
Ge­no­va ce­det­te, i Fio­ren­ti­ni gli di­ven­ta­ro­no ami­ci, Mar­che­se di Man­to­va, Duca di Fer­ra­ra, Ben­ti­vo­gli, Ma­don­na di Fur­lì,
Si­gno­re di Faen­za, di Pe­sa­ro, di Ri­mi­no, di Ca­me­ri­no, di Piom­bi­no, Luc­che­si, Pi­sa­ni, Sa­ne­si,
ognu­no se li fece in­con­tro per es­se­re suo ami­co.
Ed al­lo­ra po­te­ro­no con­si­de­ra­re li Vi­ni­zia­ni la te­me­ri­tà del par­ti­to pre­so da loro,
i qua­li, per ac­qui­sta­re due ter­re in Lom­bar­dia, fe­ce­ro Si­gno­re il Re di duoi ter­zi d’Ita­lia.
Con­si­de­ri ora uno con quan­ta poca dif­fi­cul­tà po­te­va il Re te­ne­re in Ita­lia la sua ri­pu­ta­zio­ne,
se egli aves­si os­ser­va­te le re­go­le so­prad­det­te, e te­nu­ti si­cu­ri, e di­fe­si tut­ti quel­li ami­ci suoi,
li qua­li, per es­se­re gran nu­me­ro, e de­bo­li, e pau­ro­si chi del­la Chie­sa, chi de’ Vi­ni­zia­ni, era­no sem­pre ne­ces­si­ta­ti a star seco,
e per il mez­zo loro po­te­va fa­cil­men­te as­si­cu­rar­si di chi ci re­sta­va gran­de.
Ma egli non pri­ma fu in Mi­la­no, che fece il con­tra­rio, dan­do aiu­to a Papa Ales­san­dro, per­ché egli oc­cu­pas­se la Ro­ma­gna.
Nè si ac­cor­se con que­sta de­li­be­ra­zio­ne che fa­ce­va sè de­bo­le, to­glien­do­si li ami­ci, e quel­li che se li era­no git­ta­ti in grem­bo,
e la Chie­sa gran­de, ag­giu­gnen­do allo spi­ri­tua­le, che gli dà tan­ta au­to­ri­tà, tan­to tem­po­ra­le.
E fat­to un pri­mo er­ro­re, fu co­stret­to a se­gui­ta­re; in­tan­to­chè, per por­re fine all’am­bi­zio­ne di Ales­san­dro,
e per­ché non di­ve­nis­se Si­gno­re di To­sca­na, gli fu for­za ve­ni­re in Ita­lia.
E non gli ba­stò aver fat­to gran­de la Chie­sa, e tol­ti­si gli ami­ci,
che per vo­le­re il re­gno di Na­po­li, lo di­vi­se con il Re di Spa­gna;
e dove egli era pri­ma ar­bi­tro d’Ita­lia, vi mes­se un com­pa­gno, ac­cio­chè gli am­bi­zio­si di quel­la pro­vin­cia e mal­con­ten­ti di lui aves­se­ro dove ri­cor­re­re;
e dove po­te­va la­scia­re in quel Re­gno un Re suo pen­sio­na­rio, egli ne lo tras­se per met­ter­vi uno che po­tes­se cac­ciar­ne lui.
È cosa ve­ra­men­te mol­to na­tu­ra­le e or­di­na­ria de­si­de­ra­re di ac­qui­sta­re, e sem­pre, quan­do gli uo­mi­ni lo fan­no che pos­si­no, ne sa­ran­no lau­da­ti e non bia­si­ma­ti;
ma quan­do non pos­so­no e vo­glio­no far­lo in ogni modo, qui è il bia­si­mo e l’er­ro­re.
Se Fran­cia adun­que con le sue for­ze po­te­va as­sal­ta­re Na­po­li, do­ve­va far­lo; se non po­te­va, non do­ve­va di­vi­der­lo.
E se la di­vi­sio­ne che fece con i Vi­ni­zia­ni di Lom­bar­dia, me­ri­tò scu­sa per ave­re con quel­la mes­so il piè in Ita­lia,
que­sta me­ri­tò bia­si­mo per non es­se­re scu­sa­to da quel­la ne­ces­si­tà.
Ave­va adun­que Lui­gi fat­to que­sti cin­que er­ro­ri: spen­ti i mi­no­ri po­ten­ti;
ac­cre­sciu­to in Ita­lia po­ten­za a un po­ten­te; mes­so in quel­la un fo­re­stie­re po­ten­tis­si­mo; non ve­nu­to ad abi­tar­vi; non vi mes­so co­lo­nie.
Li qua­li er­ro­ri, vi­ven­do lui, po­te­va­no an­co­ra non lo of­fen­de­re, se non aves­se fat­to il se­sto, di tor­re lo Sta­to a’ Vi­ni­zia­ni;
per­chè quan­do non aves­se fat­to gran­de la Chie­sa, nè mes­so in Ita­lia, Spa­gna, era ben ra­gio­ne­vo­le e ne­ces­sa­rio ab­bas­sar­li;
ma, aven­do pre­so quel­li pri­mi par­ti­ti, non do­ve­va mai con­sen­ti­re alla ro­vi­na loro;
per­chè es­sen­do quel­li po­ten­ti, areb­bo­no sem­pre te­nu­ti gli al­tri di­sco­sto dal­la im­pre­sa di Lom­bar­dia,
sì per­chè i Vi­ni­zia­ni non vi areb­be­ro con­sen­ti­to, sen­za di­ven­tar­ne Si­gno­ri loro;
sì per­chè gli al­tri non areb­be­ro vo­lu­to tor­la a Fran­cia per dar­la a loro; e an­dar­li ad ur­ta­re am­bi­dui non areb­be­ro avu­to ani­mo.
E se al­cun di­ces­se, il Re Lui­gi cedè ad Ales­san­dro la Ro­ma­gna, ed a Spa­gna il Re­gno per fug­gi­re una guer­ra;
ri­spon­do con le ra­gio­ni det­te di so­pra, che non si deb­ba mai la­sciar se­gui­re uno di­sor­di­ne per fug­gi­re una guer­ra;
per­chè ella non si fug­ge, ma si dif­fe­ri­sce a tuo di­sav­van­tag­gio.
E se al­cu­ni al­tri al­le­gas­se­ro la fede, che il Re ave­va data al Papa,
di far per lui quel­la im­pre­sa per la ri­so­lu­zio­ne del suo ma­tri­mo­nio, e per il Cap­pel­lo di Roa­no,
ri­spon­do con quel­lo che per me di sot­to si dirà cir­ca la fede dei Prin­ci­pi, e come ella si deb­ba os­ser­va­re.
Ha per­du­to dun­que il Re Lui­gi la Lom­bar­dia per non ave­re os­ser­va­to al­cu­no di quel­li ter­mi­ni os­ser­va­ti da al­tri, che han­no pre­so pro­vin­cie, e vo­lu­te­le te­ne­re.
Nè è mi­ra­co­lo al­cu­no que­sto, ma mol­to ra­gio­ne­vo­le ed or­di­na­rio.
E di que­sta ma­te­ria par­lai a Nan­tes con Roa­no, quan­do il Va­len­ti­no
(che così vol­gar­men­te era chia­ma­to Ce­sa­re Bor­gia fi­gliuo­lo di Papa Ales­san­dro) oc­cu­pa­va la Ro­ma­gna;
per­chè di­cen­do­mi il Car­di­na­le Roa­no, che gl’Ita­lia­ni non s’in­ten­de­va­no del­la guer­ra, io ri­spo­si,
che i Fran­ce­si non s’in­ten­de­va­no del­lo Sta­to, per­chè, in­ten­den­do­se­ne, non la­sce­reb­bo­no ve­ni­re la Chie­sa in tan­ta gran­dez­za.
E per espe­rien­za si è vi­sto, che la gran­dez­za in Ita­lia di quel­la, e di Spa­gna, è sta­ta cau­sa­ta da Fran­cia, e la ro­vi­na sua è pro­ce­du­ta da loro.
Di che si cava una re­go­la ge­ne­ra­le, qua­le non mai, o raro fal­la, che chi è ca­gio­ne che uno di­ven­ti po­ten­te, ro­vi­na;
per­chè quel­la po­ten­za è cau­sa­ta da co­lui o con in­du­stria, o con for­za, e l’una e l’al­tra di que­ste due è so­spet­ta a chi è di­ve­nu­to po­ten­te.

Niccolò Machiavelli
Il Principe / The Prince
Bilingual Edition
Translated by William K. Marriott

This is an enhanced ebook. Click or tap on the text to display the translation.

Both the original work and the translation are in the public domain. All rights for the aligned bilingual editions and for the amended translations are owned by Doppeltext.

We offer many other innovative bilingual titles. Visit www.doppeltext.com to learn more.

We welcome your feedback and questions.

Doppeltext
Igor Kogan & Tatiana Zelenska
Karwendelstr. 25
81369 Munich
Germany
+49-89-76 75 55 34
www.doppeltext.com
info@doppeltext.com